Château Haut-Brion

Con l'acquisizione di Château Haut-Brion nel 1935, Clarence Dillon lo riportò al suo antico splendore e lo riportò nella ristretta cerchia dei vini più leggendari del mondo.

Questa visione straordinaria, audace e coraggiosa, è perpetuata oggi dalla 4a generazione della famiglia, incarnata dal suo presidente, il principe Roberto di Lussemburgo. Situato nel comune di Pessac, a pochi chilometri da Bordeaux, Château Haut-Brion – la prima delle tre proprietà acquisite dalla famiglia Dillon – è la più antica azienda vinicola della regione. La tenuta si affaccia sullo Château La Mission Haut-Brion e condivide con essa questa vasta terrazza di bella ghiaia chiamata Haut-Brion su vecchie mappe e carte.
Queste ghiaie che contribuiscono al valore viticolo del suolo di Château Haut-Brion sono piccoli ciottoli, costituiti da diverse varietà di quarzo.

I terreni ghiaiosi poggiano su un sottosuolo unico di argilla, sabbia, calcare e faluns (calcare sgusciato) formatosi dalla fine dell’era terziaria, poi durante il Quaternario durante gli episodi glaciali.
Con uno spessore variabile da una ventina di centimetri a più di 3 metri, i depositi ghiaiosi formano cime collinari che beneficiano di un’ottima esposizione, con pendii che garantiscono un drenaggio naturale rafforzati da un’importante rete idrografica di piccoli corsi d’acqua, come il Peugue o il Serpente, affluenti della Garonna .
I vitigni Haut-Brion beneficiano di un particolare carattere climatico: le estati sono calde e secche, gli autunni sono miti. Le viti, da 20 a 30 metri sul livello del mare, sfuggono alle nebbie della bassa valle della Garonna e alle piogge talvolta abbondanti della brughiera della Gironda.

51
ETTARI VITATI
200000
BOTTIGLIE PRODOTTE

Pessac (Francia)
135 Av. Jean Jaurès

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.